Aiutaci a sostenere la ricerca

Aiutaci a sostenere la ricerca

L’ANESTESIA NEL PAZIENTE MIOTONICO – VADEMECUM

Premessa: l’anestesia generale può esporre il Paziente affetto da una sindrome miotonica a complicanze, anche gravi. Queste possono essere in larga parte prevenute ed evitate attraverso un’attenta valutazione pre-operatoria, adeguate scelte farmacologiche e con una appropriata gestione del periodo post-operatorio.

Al fine di sottoporre il Paziente a procedure chirurgiche nella massima sicurezza possibile, si raccomanda di attenersi alle seguenti indicazioni:

  • Effettuare regolari controlli nel contesto di un follow-up multi-disciplinare (neurologico, cardiologico, pneumologico, gastroenterologico ed endocrinologico), programmando le necessarie procedure chirurgiche in elezione, onde evitare per quanto possibile gli interventi in regime di urgenza;
  • Assicurarsi che il Medico Anestesista e il Chirurgo coinvolti siano edotti della diagnosi di malattia neuromuscolare;
  • Predisporre una valutazione pre-operatoria estensiva che comprenda: esami ematici completi, ECG ed Ecocardiografia, RX torace, PFR, EGA arteriosa e bilancio neuromuscolare;
  • Quando possibile, prediligere le tecniche di anestesia loco-regionale;
  • Minimizzare la somministrazione di farmaci depressori sul respiro, in particolare benzodiazepine e analgesici oppiacei;
  • Evitare l’esposizione del paziente a basse temperature;
  • Prevenire il rischio di aspirazione, con presidi farmacologici e meccanici;
  • Prediligere i bloccanti neuromuscolari non-depolarizzanti e a breve durata d’azione (es. atracurio), evitare gli inibitori dell’enzima acetilcolinesterasi;
  • Adottare criteri restrittivi per procedere all’estubazione;
  • Attuare un monitoraggio continuo dei parametri vitali nel periodo post-operatorio, in ambiente sub-intensivo, per almeno le 24 ore successive all’intervento (evitare la chirurgia in Day-Hospital!);
  • Trattare il dolore post-operatorio con FANS, paracetamolo o tecniche di anestesia loco-regionale, per quanto possibile;
  • Mantenere un’adeguata pulizia delle vie aeree nel periodo post-operatorio.

Altre Notizie

Canalopatie Muscolari:
FMM finanzia un progetto di ricerca

Il canale del sodio Nav1.4 è il maggiore attore nel processo di eccitabilità della fibra muscolare, sia in termini di rigidità muscolare (NMD) e sia in termini di debolezza muscolare (Paralisi Periodiche). Nell’ambito dello spettro clinico delle canalopatie del sodio la qualità di vita del pazienti è molto compromessa.

Read More »

Approvvigionamento della Mexiletina

Precisazioni sull’approvvigionamento della Mexiletina per i pazienti affetti da Miotonie Non Distrofiche (NDM) e Distrofie Miotoniche (DM1 e DM2) con codice di esenzione per malattie rare RFG090

Read More »

Condividi:

VUOI RIMANERE AGGIORNATO?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

NEWSLETTER

RIPARTIAMO INSIEME,

DALLA RICERCA

Sede Legale e Amministrativa

C.F. 97584670158

Iscrizione R.E.A. MI-1960814

Sede Operativa

Newsletter

Iscriviti alla nostra News Letter
per rimanere sempre aggiornato

Con il sostegno di

Fondazione Malattie Miotoniche © 2022 All Right Reserved  – info@fondazionemalattiemiotoniche.org