Recenti informazioni sulla vaccinazione anti Covid-19 per i malati affetti da DM

Categoria: Malattia | 0

La distrofia miotonica (DM) rende una persona più suscettibile a contrarre l’infezione da COVID-19?

Per quanto si sa fino ad ora, sembra di no. Il sistema immunitario è la principale difesa contro i virus. La DM può influenzare il sistema immunitario, ma generalmente non in modo significativo. Ad esempio, le persone che hanno DM1 o DM2 a molto spesso una diminuzione delle immunoglobuline nel sangue. Tuttavia, non si ritiene che ciò renda le persone più suscettibili alle infezioni.

 

Se una persona con DM contrae il COVID-19, ha un rischio maggiore di ammalarsi più gravemente?

Finora non ci sono molte informazioni su come le persone con DM rispondono a COVID-19. Probabilmente dipende da come la DM colpisce una persona. Alcuni malati sono soggetti a una tosse debole, ridotta capacità respiratoria, malattie cardiache o diabete. Ci si aspetta che uno di questi fattori aumenti il ​​rischio di contrarre il COVID-19 in forma grave. Se si ha uno di questi problemi, è importante avere una maggiore cautela e poter fare il vaccino non appena diventa disponibile. Comunque è essenziale continuare ad osservare le misure di cautela (mascherina, distanziamento, lavarsi spesso le mani) anche dopo la vaccinazione, poiché i vaccini non sono efficaci al 100%.

 

Cosa sono i vaccini a RNA e come funzionano?

I primi vaccini COVID-19 in Nord America e in Europa sono vaccini a RNA, un nuovo tipo di vaccino (In Nord America vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna). Sono stati progettati, prodotti e testati in un tempo sorprendentemente breve e sono straordinariamente efficaci. I vaccini a RNA proteggono per il 94-95% contro COVID-19 e per oltre il 98% contro i COVID-19 in forma grave. L’RNA è una sostanza naturale presente in ogni essere vivente, simile al DNA. Come il DNA, l’RNA contiene un codice genetico. Il vaccino è un frammento di RNA (a volte chiamato mRNA) personalizzato, confezionato in un materiale scivoloso in modo che possa viaggiare nelle cellule muscolari dove viene iniettato. Il codice genetico dell’RNA del vaccino quindi allena le cellule muscolari nella produzione di una proteina “ spike” simile a quella che si trova sulla superficie del virus. Questo induce il sistema immunitario a reagire contro la proteina del virus. Una volta che ciò accade, il sistema immunitario può proteggersi in futuro dal COVID-19. L’RNA del vaccino dura solo poche ore prima di degradarsi e la proteina Spike dura solo pochi giorni, ma abbastanza a lungo perché il sistema immunitario impari a reagire contro di essa. Fortunatamente, il sistema immunitario ha una memoria molto lunga.

 

I vaccini a RNA non contengono conservanti o prodotti di origine animale, comprese le uova, e non possono causare l’infezione da COVID. Arriveranno altri tipi di vaccini, ma è troppo presto per sapere se funzioneranno altrettanto bene o meglio dei vaccini a RNA.

 

La ricerca ha dimostrato che uno dei problemi presenti nella DM è che alcuni degli RNA naturali del corpo non funzionano correttamente. Questo interferirà con i vaccini a RNA?

Non lo si sa ancora. L’RNA con ripetizioni in una persona con DM e l’RNA nel vaccino COVID-19 sono diversi e non si prevede che si mescolino o interferiscano l’uno con l’altro. Sulla base delle informazioni attuali, non c’è motivo di aspettarsi che i vaccini a RNA non funzionino correttamente nelle persone con DM o che i vaccini a RNA peggiorino la patologia. Tuttavia, questo aspetto dovrà essere monitorato e studiato in futuro.

 

È importante notare che l’RNA del vaccino non entra mai nel nucleo della cellula né influisce sul materiale genetico, quindi non altera o modifica in alcun modo il DNA o il corredo genetico di alcuna persona.

 

Tutti i vaccini hanno possibili effetti collaterali. Quali sono gli effetti collaterali dei vaccini a RNA COVID-19?

I vaccini a RNA, come tutti i vaccini, sono progettati per innescare una reazione del sistema immunitario. La maggior parte degli effetti collaterali ha a che fare con l’infiammazione, che fa parte della reazione. Queste reazioni si verificano all’interno del muscolo in cui viene iniettato il vaccino, ma possono anche colpire una persona più in generale. Questi effetti collaterali in genere scompaiono dopo pochi giorni.

 

  • Il vaccino Pfizer-BioNTech viene somministrato mediante 2 iniezioni, a 3 settimane di distanza. Questo vaccino è stato testato su 21.720 persone sane. Gli effetti collaterali più comuni nelle fasi di test sono stati:
  • L’84% delle persone ha avuto dolore nel punto in cui è stato iniettato il vaccino, che di solito dura 1 o 2 giorni. A volte c’era anche arrossamento o gonfiore (circa il 10%).
  • Altri effetti collaterali comuni sono stati affaticamento (63%), mal di testa (55%), dolori muscolari (38%), brividi (32%), dolori articolari (24%) e febbre (14%).

 

  • Il vaccino Moderna viene somministrato con 2 iniezioni, a 4 settimane di distanza. Questo vaccino è stato testato su 15.419 persone sane. Gli effetti collaterali più comuni nelle fasi di test sono stati:
    • Il 92% delle persone ha avvertito dolore nel punto in cui è stato iniettato il vaccino, che di solito dura 1 o 2 giorni. A volte c’era anche arrossamento o gonfiore (intorno al 10-15%).
    • Altri effetti collaterali comuni sono stati affaticamento (70%), mal di testa (65%), muscoli dolori (62%), brividi (45%), dolori articolari (46%), nausea / vomito (23%) o febbre (15%).

 

Questi due vaccini a RNA funzionano in modo simile, hanno effetti collaterali simili e producono una protezione simile contro COVID-19. Sulla base delle informazioni attuali, non ci sono molti motivi per scegliere l’uno o l’altro. Ciò potrebbe cambiare in futuro man mano che verrà acquisita maggiore esperienza.

 

I vaccini COVID-19 RNA possono causare gravi effetti collaterali?

Si sono verificate gravi reazioni allergiche al vaccino COVID-19. Queste reazioni sono potenzialmente pericolose per la vita, ma fortunatamente sono rare e possono essere trattate.

I sintomi possono includere difficoltà respiratorie, gonfiore del viso o della gola, eruzioni cutanee su tutto il corpo, vertigini e debolezza. È troppo presto per sapere esattamente quanto spesso ciò accade. Non è mai successo nella fase di test, quando più di 37.000 persone hanno ricevuto il vaccino. Tuttavia, nelle prime 3 settimane dopo l’autorizzazione del vaccino, circa 6 persone negli Stati Uniti hanno avuto gravi reazioni allergiche, su 272.000 persone che sono state vaccinate. Queste reazioni sembrano maggiori rispetto ad altri tipi di vaccini, che generalmente causano gravi reazioni allergiche in circa 1 persona su un milione. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano che i vaccini a RNA siano somministrati da personale addestrato per gestire reazioni allergiche rare in forma grave. Le reazioni tendono a verificarsi subito dopo l’iniezione del vaccino, quindi le persone sono invitate a rimanere sul posto per almeno 15 minuti, o più a lungo se hanno avuto in passato una reazione allergica grave di qualsiasi tipo (come puntura d’ape, crostacei, eccetera.). Per le persone che hanno avuto gravi reazioni allergiche ad altri vaccini o iniezioni di farmaci in passato, il CDC consiglia di chiedere al proprio medico se è opportuno vaccinarsi.

 

In quale muscolo viene iniettato il vaccino?

I vaccini a RNA sono progettati per l’iniezione nel muscolo. Se viene praticata un’iniezione ma “manca” il tessuto muscolare, nessuno sa se sarà altrettanto efficace. Finora, i vaccini a RNA sono stati iniettati solo nel muscolo deltoide, vicino alla spalla. Un produttore di vaccini, Pfizer, ha indicato di effettuare l’iniezione solo in questo muscolo.

 

Per le persone affette da DM1, il muscolo deltoide di solito non presenta una grave debolezza o atrofia. L’iniezione nel deltoide dovrebbe essere possibile nella maggior parte dei casi. Nella DM2, in particolare nelle persone anziane, il muscolo deltoide può atrofizzarsi, quindi l’iniezione nel tessuto muscolare potrebbe essere difficile. Per quanto ne sappiamo non c’è controindicazione per iniettare comunque il vaccino, sebbene la protezione contro COVID-19 potrebbe essere inferiore. Con il tempo, ci si aspetta che ci sarà maggiore flessibilità su quali muscoli potranno essere utilizzati per l’iniezione.

 

L’iniezione di vaccino potrebbe causare danni muscolari?

Si prevede che il vaccino per COVID-19 possa provocare infiammazione e altri danni minori in una piccola parte del muscolo iniettato. Questo guarisce rapidamente nelle persone sane. In teoria, è possibile che la guarigione possa essere più lenta o meno completa nelle persone affette da DM, ma non vi sono ancora certezze. Se dopo l’iniezione del vaccino è presente dolore o indolenzimento alla spalla per più di pochi giorni, è opportuno rivolgersi al proprio medico e fare alcuni esercizi di mobilità della spalla per mantenere la spalla flessibile.

 

La vaccinazione di bambini e adolescenti è tuttora possibile?

Per il momento no. I vaccini a RNA non sono stati testati a fondo su persone di età inferiore a 16 anni. Il vaccino Pfizer-BioNTech è autorizzato per persone di età pari o superiore a 16 anni e il vaccino Moderna è autorizzato per persone di età pari o superiore a 18 anni. Sono in corso test sui giovani, quindi è probabile che vi saranno cambiamenti in futuro. Finché non esiste un vaccino per i bambini, questi saranno protetti se la maggior parte degli adulti intorno a loro verrà vaccinata, in modo da ridurre il rischio di diffusione del virus.

 

Come persona affetta da DM, sarò idoneo per il vaccino prima di altre persone?

Negli Stati Uniti la Myotonic Dystrophy Foudation (MDF) ha richieso al CDC che le distrofie miotoniche siano inserite nell’elenco delle condizioni mediche che causano un rischio maggiore di contrarre il COVID-19 in forma grave. Finora non vi è stata questa approvazione perché non ci sono abbastanza informazioni su come il COVID-19 si manifesti in forma diversa nella popolazione rispetto ai malati di DM o di altre malattie non comuni. Come già indicato, se si hanno problemi cardiaci, diabete o debolezza respiratoria, si potrebbe forse essere esposti ad un maggiore rischio di contrarre il COVID-19 in forma grave e quindi poter accedere precocemente al vaccino. Comunque le procedure per ottenere la distribuzione e la somministrazione del vaccino sono ancora in fase di elaborazione.

 

Man mano che sempre più persone si sottopongono ai vaccini, le nostre informazioni su di loro continueranno a crescere. Anche dopo essere stati vaccinati, dovremmo tutti continuare a mantenere distanza sociale, indossare mascherine, lavarci le mani accuratamente e continuare a seguire le linee guida del ministero della salute per aiutare a prevenire la diffusione del virus.

 

Per quanto tempo il vaccino proteggerà dal COVID-19? Sarà necessario ripetere la vaccinazione in futuro?

Queste sono domande importanti, ma nessuno ha ancora risposte. Questo è attualmente oggetto di ricerca.

 

E’ opportuno vaccinarsi? Qual è l’equilibrio tra rischio e beneficio?

Per la maggior parte delle persone, comprese le persone con DM, è più sicuro vaccinarsi che non farlo. Il COVID-19 sta facendo pagare un prezzo altissimo alla popolazione di tutto il mondo e il rischio di contrarre una grave malattia da COVID-19 è molto più alto del rischio di gravi effetti collaterali dei vaccini.

 

Il vaccino funzionerà contro nuovi ceppi del virus?

Questo non è ancora noto. Gli scienziati si aspettavano che il virus potesse cambiare nel tempo, quindi non sorprende che ciò stia accadendo. Gli scienziati sperano che i vaccini a RNA possano proteggere da nuovi ceppi del virus, ma questo dovrà essere verificato in futuro. Anche se ci sono nuovi ceppi del virus, questo non dovrebbe essere un motivo tale per non sottoporsi alla vaccinazione.

 

Si stanno preparando altri vaccini contro il Covid-19?

Si, in Europa stanno per essere sottoposti all’esame dell’EMA (l’agenzia del farmaco europea) altri vaccini come quello AstraZeneca.

Tutti i vaccini che si stanno studiando sono vaccini a RNA. Quando saranno approvati, ne verrano indicate le caratteristiche, l’applicabilità, la percentuale di protezione e gli eventuali effetti collaterali previsti.