Legge di Bilancio 2021: tutte le misure per le persone disabili e le loro famiglie

Categoria: Vivere con la malattia | 0

Previste sostanziose misure all’interno della Legge di Bilancio per quanto riguarda il mondo del sociale, le persone con disabilità e le loro famiglie:

  • Un totale di 800 mila euro da stanziare per la FISH – Federazione Italiana Super Handicap, volti a garantire le attività di inclusione sociale delle persone con differenti disabilità;
  • Per la categoria dei “lavoratori fragili”, dal 1° gennaio fino al 28 febbraio, l’assenza dal posto di lavoro sarà equiparata al ricovero ospedaliero, senza pesare sul periodo di comporto. Inoltre, viene estesa fino a fine febbraio anche l’opportunità che i lavoratori fragili svolgano di norma la prestazione lavorativa in modalità agile anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento;
  • Un contributo per i tre anni a venire (2021, 2022, 2023) destinato alle madri disoccupate o monoreddito facenti parte di nuclei familiari monoparentali con figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60 per cento. Il contributo, corrisposto mensilmente, avrà valore massimo di 500 euro netti;
  • Prorogata la detrazione al 110% (il cosiddetto superbonus) per gli interventi di efficienza energetica e antisismici effettuati sugli edifici fino al 30 giugno 2022 ed ampliata anche l’applicabilità a interventi finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche;
  • 100 milioni al fondo per le non autosufficienze;
  • Un aumento del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare di 20 milioni;
  • 30 milioni di euro come fondo destinato alla copertura finanziaria di interventi legislativi finalizzati al riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale svolta dal caregiver familiare;
  • 6 milioni da destinarsi al Fondo contro le discriminazioni;
  • Quasi 10 milioni di euro di contributi ai comuni che provvedono a istituire spazi riservati destinati alla sosta gratuita dei veicoli adibiti al servizio di persone con limitata o impedita capacità motoria;
  • Incremento degli insegnanti di sostegno e 10 milioni di euro per l’acquisto e la manutenzione di attrezzature tecniche e di sussidi didattici;